Patrizia Palermo: Dal Verde Pubblico al Verde Comune – di Marilisa Lorusso

E’ di recentissima uscita il libro Dal Verde Pubblico al Verde Comune, di Patrizia Palermo, una tanto documentata quanto appassionata disquisizione sul Verde. Il verde come luogo fisico, i giardini, giardinetti, parchi che incorniciano o si insinuano nei nostri abitati, ma anche il verde come luogo sociale, inclusivo, spazio di incontro e di democrazia. Proprio da qui si parte, da come il verde da privato – i giardini delle magioni nobiliari – sia divenuto diritto e simbolo dell’uguaglianza dei cittadini a fruirne e – in tempo di crisi – a giocare un ruolo sempre più attivo nella sua creazione e gestione.

Il verde quindi come spazio e bene comune. E qui la prospettiva di analisi si fa più completa: scrive un’autrice che è giurista per formazione, amministratrice per esperienza e cittadina attiva per vocazione e per scelta. Il libro è quindi un indispensabile strumento per chi si avvicina al concetto di collettività e di beni comuni, a partire dal principio di solidarietà sancito dalla nostra costituzione per spingersi oltre verso i più recenti sviluppi, anche normativi. Uno strumento ancora più prezioso per chi risiede sul territorio ligure, visto che l’autrice vive e racconta la sua esperienza da genovese, per cui il testo fornisce ad amministratori e cittadini un’occasione per informarsi ed aggiornarsi su come regione, capoluogo e municipi nel proprio territorio si stiano muovendo, e su cosa possano fare le comunità.

Scorrono agili le pagine di un libro che spazia dai ritagli di verde con una fontanella incastonati fra i palazzi del boom edilizio ai territori del Ponente esposti alle trasformazioni previste dalle Grandi Opere in Liguria, fra cittadini e attivisti che si interrogano e si mobilitano perché il verde rimanga, sia preservato come un luogo sicuro dove si possa giocare o leggere senza dover pagare, perché insomma per essere cittadini non si debba essere necessariamente consumatori.

Patrizia Palermo, Dal Verde Pubblico al Verde Comune, Aracne ed., Roma, 2017 acquistabile online sul sito dell’editore: http://www.aracneeditrice.it/index.php/pubblicazione.html?item=9788825503593

Il mimetismo degli animali in una mostra INEDITA – di Elena Bechis

 

KRYPTÒS – Inganno e mimetismo nel mondo animale

Si terrà a Genova al Museo di Storia Naturale “Giacomo Doria” dal 10 Febbraio al 2 Settembre 2018,  un’affascinante e curiosa mostra sulle capacità di singolari animali di usare stratagemmi per mimetizzarsi e creare illusioni.

Kryptòs Inganno e mimetismo nel mondo animale è una mostra caratteristica ed insolita su un mondo ancora tanto misterioso quanto ingegnoso e studiato.

La bellezza di queste “magie animali” sarà guidata in un viaggio tra animali vivi presentati in grandi terrari, allestiti in modo da ricreare l’habitat naturale e si avrà modo di conoscere; rane variopinte, camaleonti, gechi, insetti foglia, mantidi e ragni con livree sorprendenti (tutti nati in cattività e non pericolosi).

Si andranno a carpire ed esaminare i segreti che ci sono dietro il comportamento di questi animali, dall’adattamento a scomparire nell’ambiente in cui vivono, alle variopinte e vistose colorazioni di avvertimento che assumono in caso di pericolo, fino alle forme di inganno più raffinate.

In conclusione si esamineranno i diversi modi che hanno gli animali di vedere il mondo, in aiuto per spiegare anche il perché di alcune curiose livree.

L’intera mostra è illustrata da fotografie in grande formato e da proiezioni video a parete;

il tutto a cura di Emanuele Biggi, anche conduttore del programma televisivo “Geo” in onda su Rai 3 e Francesco Tomasinelli, biologi, fotografi professionisti e autori di diverse esposizioni scientifiche, che raccontano la vita segreta delle specie presenti.

L’inaugurazione della Mostra avverrà Venerdì  9 febbraio alle ore 17 al Museo di Storia Naturale “Giacomo Doria” a Genova.

Orario dal 10 Febbraio al 2 settembre 2018: da martedì a domenica, dalle ore 10 alle 18.

Sito: http://www.museidigenova.it/it/content/museo-di-storia-naturale 

Biglietti: ingresso intero € 6,00; ingresso ridotto € 4,00 (visitatori di età compresa tra i 3 e i 14 anni; visitatori con età superiore ai 65 anni; persone disabili; componenti di gruppi superiori alle 15 unità); ingresso scolaresche € 3,00 a studente; visita guidata per le scolaresche € 6,00 a studente (ingresso incluso) (con laboratorio € 9,00); visita guidata per i gruppi superiori alle 15 unità € 9,00 a persona (ingresso incluso). E’ prevista la gratuità: per i bambini da 0 a 3 anni; per gli insegnanti accompagnatori di scolaresche in visita; per gli accompagnatori di persone disabili; per i soci della Società degli Amici del Museo Doria. Non sono previste riduzioni per i possessori di tessere di associazioni, ecc. I possessori del biglietto della mostra “Kryptos” potranno visitare il Museo pagando il biglietto ridotto per il periodo 10 febbraio – 30 settembre 2018.

 

Elena Bechis