13° Rassegna della Granaccia e Rossi di Liguria. di Beatrice Citron

13° Rassegna della Granaccia e Rossi di Liguria. Come di consueto, anche quest’anno torna La Granaccia e i vini rossi di Liguria, protagonisti Domenica 11 giugno della tredicesima edizione della Rassegna a loro dedicata. La manifestazione del Comune di Quiliano, organizzata dalla Pro Loco di Quiliano e patrocinata dalla Regione Liguria, in collaborazione con la Condotta Slow Food di Savona e la Rete di Imprese – Vite in Riviera, rappresenta l’occasione ideale per conoscere ed apprezzare i prodotti, le caratteristiche e le tradizioni della viticultura locale e regionale. La rassegna si svolgerà a Quiliano nella suggestiva cornice del Parco Archeologico Naturalistico di San Pietro in Carpignano ed attraverso momenti dedicati alla degustazione e alla promozione dei migliori prodotti vinicoli quilianesi e regionali, diventerà un punto d’incontro tra produttoi e consumatori. Si fonderanno profumi, sapori e tradizioni che daranno via ad una giornata conviviale.

La giornata di Domenica 11 giugno inizierà alle ore 10:00 con la seconda edizione della G”run”ACCIA. Una camminata non competitiva, aperta a tutti, che si snoderà tra bosco, vigna e ulivi con il loso intento di riappropriarsi del territorio, valorizzandone i sentieri ed esaltando i prodotti agricoli ed alimentari. Ad attendere i partecipanti al termine della passeggiata ci sarà “Pasta in Compagnia”. La degustazione inizierà alle ore 16:30, dando il via alla Rassegna vera e propria. Ad attendere i più piccoli ci saranno attività ludico-creative, presso la fattoria didattica “Il Corbezzolo. Dalle 20:00 avrà inizio la cena con i piatti tipici della tradizione, ovviamente con l’abbinamento di vini. La serata verrà curata dalla Pro Loco Quiliano, in collaborazione con il Ristoro Camilia e l’intrattenimento musicale jazz de “Il Trio”.

“Il bosco: conoscerlo per proteggerlo”: l’evento di Mallare per camminare in una delle più belle faggete” di Sara Pessano

“Il bosco: conoscerlo per proteggerlo”: l’evento di Mallare per camminare in una delle più belle faggete” di Sara Pessano – Domenica 11 giugno si terrà a Mallare “Il bosco: conoscerlo per proteggerlo”, la camminata nel bosco che sarà indirizzata dai disegni stupendi dei bambini che frequentano il comprensorio delle scuole di mallaresi. La giornata inizierà alle ore 09.00 con il ritrovo e la registrazione dei partecipanti presso il Santuario dell’Eremita di Mallare. Alle 09.30 ci sarà la partenza della passeggiata. Un primo spuntino si potrà fare dopo la prima salita, ovvero dove si trovano i faggi monumentali. Il percorso sarà un anello di 11 chilometri circa all’interno della straordinaria faggeta di Benevento. Per l’ora di pranzo, ovvero anche l’ora del ritorno al Santuario dell’Eremita, è stato organizzato un piccolo aperitivo. Questo evento è stato presentato dal Lions Club Valbormida. Si ringraziano anche il Comune, le maestre del complesso scolastico di Mallare, la Croce Bianca di Altare ed il gruppo Alpini. Questa giornata sarà un’occasione per camminare in una delle più belle faggete della provincia di Savona.

Ferrania Ecologia: un percorso artistico per 65 ragazzi. di Beatrice Citron

Ferrania Ecologia: un percorso artistico per 65 ragazzi. Ferrania Ecologia, azienda che gestisce il biodigestore, ha avviato un progetto didattico con l’Istituto comprensivo di Cairo Montenotte (Bragno e S. Giuseppe di Cairo), in collaborazione con il Centro di Educazione Ambientale del Comune di Cairo Montenotte. Un percorso artistico per alunni e docenti, legato alla sostenibilità ambientale ed al riciclo dei rifiuti. Le classi partecipanti si sono incontrate, hanno realizzato il progetto ed hanno iniziato a dipingere un murales proprio sulla facciata principale dello stabilimento di Ferrania. A guidare i 65 bambini, oltre ai loro docenti, c’è la mano esperta dell’artista locale Rossella Bisazza.

GAVI : il Forte, il Borgo vi aspetta domenica 7 maggio! di Beatrice Citron

GAVI: il Forte, il Borgo vi aspetta domenica 7 maggio! Domenica 7 maggio la città di Gavi Ligure verrà invasa da profumi, suoni, colori e molto divertimento : arriva il festival GAVI: il Forte, il Borgo. Un evento tutto da scoprire, al’insegna della tradizione enogastronomica, dello street food, dove si protranno scoprire ed ammirare gli angoli più belli e suggestivi del paese di Gavi Ligure. A partire dalle 9:00 si aprirà  il mercatino enogastronomico per tutta via Mameli, dove si potranno acquistare tutti i prodotti tipici degli esercenti gaviesi. Dalle 12:00 invece verrà aperto lo Street Food per tutto il borgo; si potrà deliziare il palato con i migliori prodotti della tradizione piemontese, magari accompagnando il tutto con un ottimo calice di vino.

Per i più appassionati, al Forte del Gavi saranno organizzate rievocazioni storiche: un modo divertente per conoscere uno dei principali simboli della città. Nel pomeriggio non si potrà non ammirare il Corteo storico dei Nobili Spinola. Nel giorno della manifestazione, poteva certo mancare un Laboratorio del Pesto, gustoso condimento della tradizione, aperto a tutti: sia grandi che piccini. Inoltre, saranno possibili visite guidate al Molino del Neirone. Di origine ottocentesca, è oggi l’unico molino ad acqua ancora funzionante nella Vallemme.

Una giornata all’insegna della tradizione, della cultura e della gastronomia presentata dagli Amici del Forte di Gavi, Esercenti Gaviesi e Pro Loco di Gavi.

 

Il Castello di Monte Ursino: alla scoperta di un’edificazione medioevale di Sara Pessano

CastelloIl Castello di Monte Ursino: alla scoperta di un’edificazione medioevale di Sara Pessano – Il 29 aprile ed il primo maggio si potrà visitare il Castello di Monte Ursino a Noli, un’edificazione dell’era medioevale di cui i primi proprietari furono i Marchesi Del Carretto. L’orario delle due giornate sarà dalle 09.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 19.00. L’ultimo ingresso è stato programmato 15 minuti prima dell’orario di chiusura stabilito. Il costo della visita per gli adulti è di 2€, mentre per i bambini dai 7 ai 18 anni è di solamente 1€ e per quelli fino ai sei anni è gratuito.

Per informazioni: 3356811036

GENOVA EARTH DAY : in bici per il clima di Beatrice Citron

 

GENOVA EARTH DAY : in bici per il clima. Sabato 22 aprile, in tutto il mondo si celebra la Giornata della Terra. Per l’occasione, associazioni, comitati e liberi cittadini hanno organizzato la più grande biciclettata mai organizzata nel cuore di Genova. Una manifestazione su due ruote aperta a tutti, con lo scopo di sensibilizzare sulle tematiche ambientali che riguardano sia le generazioni di oggi, che quelle di domani. A partire dalle 14:00, sarà aperto il Village di Piazza Matteotti: un punto di incontro e raccolta dove le varie associazioni promotrici dell’iniziativa daranno il benvenuto a tutti i partecipanti. Alle 15:00 partirà la grande pedalata per il centro storico; un anello di circa 4,5 km di facile percorrenza e accessibile a tutti. L’evento è aperto a tutti i mezzi non a motore. L’unica richiesta da parte degli organizzatori sarà d’ indossare indumenti bianchi : un modo per dare ancora più risalto all’iniziativa.

La manifestazione è gratuita, pacifica e apartitica. Ha la mission di promuovere la mobilità sostenibile come strumento chiave per combattere i cambiamenti climatici, tutelare l’ambiente, la salute e la qualità della vita nei nostri centri urbani. La pedalata si concluderà di nuovo in Piazza Matteotti, dove sarà organizzato un momento di incontro con le realtà associative presenti, informazione e divulgazione scientifica e ovviamente, divertimento e musica dal vivo.

VINUM ALBA : profumi e sapori delle Langhe, Roero e Monferrato di Beatrice Citron

 

VINUM ALBA : profumi e sapori delle Langhe, Roero e Monferrato. Dal 22 al 25 aprile e dal 29 al primo maggio 2017, si terrà ad Alba la 41esima Fiera Nazionale Vinum. Un’occasione unica per partecipare ad un goloso e coinvolgente itinerario alla scoperta dei grandi vini delle Langhe, del Roero e del Monferrato. Gusti e profumi delle eccellenze enogastronomiche piemontesi invaderanno la splendida città di Alba. Per tutto l’evento, le vie cittadine saranno colme di Street Food : un eccellente modo per degustare prodotti tipici, magari sorseggiando un calice di vino e passeggiando per le vie del centro storico. Verranno allestite aree dedicate alla degustazione di ottimi vini abbinati a prelibati aperitivi, preparati per l’occasione da esperti chef selezionati. I più curiosi potranno raggiungere e visitare alcune tra le più rinomate cantine delle Lanche, Roero e Monferrato. Infine, presso il centro storico di Alba, saranno tenuti approfondimenti e degustazioni di formaggi DOP, prodotti in Piemonte. Gli organizzatori di Vinum non mancano di pensare anche alle nuove generazioni. Per loro i bambini saranno i prossimi fruitori, nonchè amministratori, di questo territorio. E’ da questo pensiero che nasce VINUM…BIMBI, con l’obiettivo di presentare ai giovanissimi il mondo vinicolo attraverso la cosa che gli riesce meglio : il gioco.

Giovedì 27 aprile inoltre, per i più sportivi si terrà la 1/4 Vinum Maratona. Un circuito di 10 km all’interno della suggestiva città di Alba.

Pasquetta con l’Enkir a Sale San Giovanni (CN). di Beatrice Citron

Pasquetta con l’ Enkir a Sale San Giovanni (CN). Lunedì 17 aprile a Sale San Giovanni, in provincia di Cuneo, sarà possibile trascorrere Pasquetta nei campi di Enkir. Il programma è ricco di eventi ed attività che promuovono la cultura e la biodiversità del territorio cuneese. Dalle ore 10:00, sarà allestita una tavola rotonda dove verrà spiegata l’ antica cultura dell’Enkir, le sue origine ed i suoi benefici nell’alimentazione. L’ evento proseguirà con visite nei campi di questo cereale, seguite da una gustosa merenda nei prati. Il menù comprenderà prodotti della gastronomia locale realizzati con l’Enkir ed erbe della zona. Alle ore 16:00, infine, avverrà la proiezione del film I nostri figli ci accuseranno, in occasione della rassegna Cine per la Terra. Sale San Giovanni è uno dei dodici comuni, toccati da questa manifestazione cinematografica, organizzata per promuovere nuovi modelli di produzione degli alimenti di tutti i giorni.

L’Enkir è i primo cereale “addomesticato” dall’uomo intorno al 7500 a.C. Ha un basso tenore di glutine, è panificabile ma ha poca lievitazione. Ha un’ottima resistenza naturale a malattie e stress, necessita di bassi livelli di concimazione ed ha una spiccata adattabilità ad ambienti colturali. Grazie a queste caratteristiche, viene proposto come un cereale particolarmente adatto alla cultura biologica. In italia è coltivato sia in provincia di Brescia, sia appunto, nella provincia di Cuneo.

Il CRAS ENPA GENOVA compie un anno e gli animali ringraziano! di Beatrice Citron

Il CRAS ENPA GENOVA compie un anno e gli animali ringraziano! Nel 2016 l’ENPA di Genova ha inaugurato il primo CRAS ( Centro Recupero Animali Selvatici) sul territorio ligure. La struttura si occupa di dare rifugio, cura e riabilitare tutta la fauna selvatica in difficoltà. Infatti, il fine ultimo di ogni operazione del Centro è il rilascio dell’ospite, rispettando sempre la salvaguardia del patrimonio naturalistico della Regione, secondo le esigenze degli animali. La Liguria è un importantissimo corridoio ecologico, un riferimento per svariati migratori ed un habitat di numerose specie, purtroppo a rischio di estinzione. Ecco il perchè della decisione dell’ ENPA di Genova di aprire il Centro, attrezzato all’accoglienza di questi animali, con ambulatori specializzati e recinti opportunamente isolati dall’ambiente urbano. Oltre ad essere un luogo di recupero e riabilitazione, il CRAS si occupa della ricerca e raccolta dati. Infine organizza incontri aperti ai cittadini per approfondire temi relativi all’ ambiente e biodiversità, condividendo sempre le esperienze vissute dai volontari al Centro.

Tutti i volontari del CRAS ENPA GENOVA  si pongono la missione di fare tutto ciò che è possibile per gli animali e per la natura, troppo spesso sottovalutata da coloro che non comprendono il legame indissolubile tra l’uomo e il mondo naturale.

Per rimanere aggiornati su attività ed eventi del Centro visitate il sito http://www.enpagenova.org

 

Si è tenuta a Finalpia il 1 aprile la Festa di Primavera di Marilisa Lorusso

Si è tenuta a Finalpia il 1 aprile la Festa di Primavera. Finalpia è uno dei rioni di Finale Ligure, seppur dotato del tratto di mare più suggestivo della costa finalese, con splendidi golfi scanditi dal molo di Finale, dai capi del Castelletto, di San Donato,  con le bellissime spiagge incoronate dai capi, è la “sorella povera” del turismo finalese.

Lontano dalla stazione, dopo che la stazione di Finalpia non funziona più dato lo spostamento della ferrovia a monte, e sul lato apposto all’accesso a Finale dall’autostrada, il rione è rimasto fisicamente periferico rispetto agli accessi nevralgici al paese. A questo si è aggiunto un criterio di selezione che in passato l’ha lasciato altrettanto periferico rispetto al Borgo medievale, o al cuore turistico di Finalmarina, da sempre priorità delle amministrazioni che si sono succedute. Ora le cose stanno cambiando. Ma la società civile non ha aspettato che il processo di rilancio di Pia venisse sdoganato da progetti di riqualificazione urbana, che sono peraltro in corso: i residenti si sono organizzati, e da qualche stagione Finalpia si è dotata del suo intrattenimento, dei suoi spazi di socializzazione, della sua piccola rinascita.

La Festa di Primavera è l’ultimo di questi eventi, in senso cronologico. La Festa si è tenuta fra le vie del rione, incluso il nuovo “salotto di Pia”, via Porro, recentemente resa pedonale e ora possibile punto di incontro, di eventi e di socializzazione. Incontriamo Olga Gattero organizzatrice e Presidente dell’Associazione I GAROSCI DE PIA, e parlare della Festa di Primavera diventa l’occasione per parlare di Pia, della comunità che la abita e che la anima, e di come si possa fare molto con poco, coinvolgendo e trovando il modo di massimizzare quello che c’e’ sul territorio per rilanciarlo.

Olga, cominciamo dalla Festa di Primavera: come è nata, e come ti è sembrata a questa prima edizione?

La festa di primavera si è svolta solo nella giornata di sabato pomeriggio e per noi è stata un po’  il Battesimo del nuovo direttivo, volevamo iniziare a farci conoscere e far capire ai Finalpiesi che ci siamo e che possono contare su di noi. Primavera è rinascita! In questa stagione la natura rivive, si veste di tanti colori ed è motivo di gioia e di festa ecco perché ci siamo voluti circondare di fiori, colori e musica! Lo scopo di questo intrattenimento è stato quello di  socializzare offrendo solidarietà in vari settori,ci sono stati banchetti di scuole che vendevano oggetti e dolci fatti da mamme volenterose, recuperando così fondi per materiale didattico. C’è stata una grande adesione da tutte le scuole della vallata con la partecipazione anche della Ludoteca “ I treni a vapore “e una fattoria didattica dove i bambini hanno potuto elaborare soggetti a tema per poi passare dal truccabimbi e diventare piccole farfalle. Da parte nostra,  mi riferisco all’Associazione GAROSCI DE PIA, abbiamo pensato ai nostri vecchietti che si trovano al RSA  Ruffini di Finale Ligure, sorteggiando tra tutti i presenti un uovo Pasquale di 7 kg  il cui  ricavato tramite una prevendita di biglietti andrà a loro favore.Sicuramente la seconda edizione andrà meglio della prima come in tutte le cose, anche se possiamo ritenerci soddisfatti.

Parliamo ora dei Garosci di Pia…

“ I Garosci  De Pia”  è una associazione di volontariato costituita  nel novembre del 1999 con  lo scopo di diventare il portavoce dell’opinione pubblica alle autorità competenti, e si è sempre occupata di vari interessi che spaziano dai problemi del rione, alla solidarietà e anche in intrattenimento turistico. L’associazione, sostenuta da un direttivo molto volenteroso, si propone inoltre di promuovere iniziative per uno sviluppo socioculturale dirette a migliorare l’immagine di Finalpia.

Vuoi parlarci di altre iniziative, passate e future?

Noi come direttivo attuale siamo entrati in carica nel febbraio 2017 dopo le dimissioni del precedente Presidente Sonia Coppa.Durante la sua presidenza sono state fatte diverse manifestazioni di interesse turistico e tutte hanno riscosso grande successo dalla notte bianca baby alla PedalaFinale e  tanti intrattenimenti musicali e così pure i direttivi precedenti. Ogni nuovo presidente porta del suo, rinnovando così eventi e interessi. I “ Garosci De Pia” sono diventati famosi per le serate del pesto e della bruschetta, per la PedalaFinale che quest’anno raggiungerà la sua diciottesima edizione. Qualche anno fa hanno fatto ripristinare tutte le edicole delle madonnine sparse per Finalpia e  hanno collaborato con associazioni del volontariato. Noi faremo del nostro meglio per non tradire la fiducia che la gente di Pia ci ha dato ma siamo solo all’inizio e spero che abbiano un po’ di pazienza se non sarà tutto alla perfezione.

In base alla tua esperienza, quali sono i limiti e le potenzialità di un piccolo rione, nel momento in cui i suoi abitanti cercano di rilanciarlo, per loro stesso e per i loro ospiti?

I limiti si sanno, sono sempre gli stessi e sono quelli economici, noi programmiamo buttiamo giù idee ma senza contributi non riusciremmo a fare niente. A Finalpia non è facile lavorare perché mancano gli spazi e tutte le volte che si organizza qualcosa si deve chiudere le strade causando malcontento tra la gente, così invece di essere tutti felici perché si fa qualcosa a Pia c’è sempre qualcuno che brontola! Ma si sa accontentare tutti non si può e noi lo dobbiamo accettare e continuare per il bene del nostro rione che rischia di morire. Con il nuovo centro di aggregazione che si è creato, cioè la rimessa a nuovo di Via Porro, ci sarà sicuramente più possibilità di intrattenimento, ma siamo sempre molto ristretti perché Finalpia è stata costruita in modo selvaggio negli anni ‘70 diventando così un centro di seconde case, super affollata in estate e città fantasma in inverno. Noi dobbiamo cercare di bilanciare la presenza di persone  rilanciando nuovi interessi sia economici che culturali anche in inverno non solo per i turisti la cui presenza incrementa l’economia, ma soprattutto per noi per la nostra dignità. Sono sicura che con l’impegno di tutti raggiungeremo il nostro obbiettivo!

Grazie e complimenti a te, ai Garosci e al rione Pia per la vitalità