Creattività e territorio: CONCORSO “STORIE COL FINALE” – di Marilisa Lorusso

Prende il via il concorso letterario “Storie col Finale”, organizzato da Associazione Culturale Entroterra con Serinus studio naturalistico e giunto alla V edizione.

Lo scopo del concorso è di invogliare le persone ad andare, scoprire, riscoprire e guardare con occhi nuovi l’entroterra Finalese, attivare la loro fantasia per raccontare con parole nuove i luoghi più suggestivi in modo da contagiare altri verso questa scoperta.

Il regolamento del concorso è scaricabile online dal sito www.serinus.it alla pagina “news”: si può partecipare con favole e racconti, inventati o ripresi da ricordi e tradizioni, purché siano ambientati nel Finalese e più precisamente nel territorio dei Comuni di Finale Ligure, Borgio Verezzi, Calice Ligure, Noli, Orco Feglino, Rialto, Vezzi Portio (tutte le amministrazioni hanno concesso il patrocinio all’iniziativa).

Possono partecipare tutti, adulti e bambini, singoli e classi con lavori di gruppo. All’interno del regolamento sono proposte 5 ambientazioni (valide come suggerimenti non vincolanti):

  1. la “Arma Pollera”, famosa e scenografica grotta a Perti di Finale Ligure;
  2. le “Rocche Gianche”, inconfondibile affioramento roccioso ai limiti del territorio di Vezzi Portio ma visibile da un po’ tutto il Finalese e teatro di vicende storiche;
  3. il “Ciappo delle Conche”, singolare lastra di Pietra del Finale con incisioni rupestri in territorio di Orco Feglino;
  4. una antica fornace da coppi e mattoni a Rialto, presso la quale è stata allestita una bella area picnic;
  5. il Castel San Giovanni alle spalle di Finalborgo.

Il termine per l’invio degli elaborati è il 15 novembre 2017.

Per informazioni contattare la segreteria di SERINUS studio naturalistico al numero: 333.8771184

L’Unione dei Comuni del Finalese aderisce al Patto per lo Sviluppo Strategico del Turismo

di Beatrice Citron

L’Unione dei Comuni del Finalese e singolarmente i Comuni di Finale Ligure e di Orco Feglino, hanno aderito al Patto per lo Sviluppo Strategico del Turismo, promosso dalla Regione Liguria. Al Patto, possono partecipare gli enti parco, i Comuni e le unioni di Comuni e comporta il perseguimento di azioni sinergiche ed interventi coordinati, per il raggiungimento di obiettivi di crescita del settore e delle potenzialità turistiche della Liguria.

L’adesione al Patto dunque, comporta l’impegno a perseguire e rispettare alcune condizioni, quali la partecipazione al progetto della app “LaMiaLiguria”, fornendo e implementando i dati sugli eventi nonchè le altre informazioni relative alla propria località, che possono essere utili al turista; la partecipazione al progetto “Wifi Liguria” aderendovi, se ve ne sono le condizioni tecniche, la collaborazione con la Regione e con l’Agenzia “In Liguria” per la creazione e la promozione dei prodotti turistici individuati dalla programmazione regionale, nonchè per la realizzazione di progetti turistici di eccellenza e accoglienza turistica (IAT). La zona del finalese vanta infatti tre uffici IAT, dislocati a Finalmarian, Finalborgo e Varigotti.

Il Patto prevede inoltre, la condivisione delle attività e delle manifestazioni di valenza turistica organizzate e gestite dalla Regione Liguria e dall’Agenzia “In Liguria”, con la diffuzione di tutte le informazioni relative a tali eventi e collaborando attivamente ad iniziative finalizzate a promuovere la destinazione ed i prodotti turistici. Un occhio di riguardo viene riservato alle iniziative di contrasto dell’abusivismo in campo turistico, in modo tale da dar vita ad una campagna di informazione, rivolta a tutti i proprietari di seconde case per ricordare la normativa in vigore nel caso di affitto degli appartamenti ad uso turistico, nonchè altri interventi concordati con Anci Liguria. La collaborazione con la Regione, prevede anche il perseguimento di iniziative mirate al turismo accessibile. A tale riguardo, l’Unione dei Comuni del Finalese sta procedendo al rinnovo della Bandiera Lilla per il biennio 2018-2019, vessillo che qualifica le località turistiche quali mete anche per portatori di disabilità di diversa natura, con una forte ed importante implementazione qualitativa dell’offerta turistica.

Oltre alla sinergia che esso scaturisce, tra i vantaggi dell’adesione al Patto si consideri la possibilità, per i soggetti aderenti all’iniziativa, di accedere a finanziamenti regionali ed europei per interventi di riqualificazione ambientale e paesaggistica a rilevante impatto turistico e riconosce agli stessi una priorità nell’attribuzione di contributi o altri vantaggi economici a valere sui fondi regionali destinati ai comuni per interventi e/o iniziative a rilevante impatto turistico. Ecco riconosce altresì forme di premialità nell’ambito dell’attuazione dei patti di solidarierà regionale.

Finale Ligure, Sabato 22: XVIII edizione della Pedalafinale – Marilisa Lorusso

Sabato 22 Luglio 2017 con partenza alle ore 17  da Piazza Inegagge a Calvisio, si svolge  la XVIII edizione della Pedalafinale. Si tratta di una manifestazione ciclistica non competitiva aperta a tutti, con lo scopo di proporre un giro turistico per tutta Finale.

L’evento è organizzato dall’ass. Garosci De Pia[1] con il patrocinio dell’Unione dei Comuni del Finalese. La manifestazione vede coinvolte famiglie intere e riscuote un gran numero di adesioni. Ritrovo dei partecipanti dalle scuole di Calvisio il 22 luglio ore 16, da dove si raggiunge la Valle Aquila e ritorno con passaggi tra le vie del centro cittadino. Dopo una breve sosta di ristoro in Piazza del Tribunale a Finalborgo, si ritorna a Finalpia e si raggiunge Piazza Abbazia per la premiazione, prevista tra le 19 e le 19,30.

La partecipazione prevede una quota di iscrizione, da pagarsi in loco.

Obbligatorio il caschetto per i minori.

[1] Per informazioni sull’associazione si rimanda al post di Anello Verde http://anelloverde.it/si-tenuta-finalpia-1-aprile-la-festa-primavera-marilisa-lorusso

Lunedì 10 Luglio, Finale Ligure torna Sotto le Stelle – di Marilisa Lorusso

Lunedì 10 luglio torna sul lungo mare Migliorini FINALE SOTTO LE STELLE. L’appuntamento è alle 21:30 in piazzale Buraggi, allestito con posti a sedere e mezzi audiovisivi per godere della proiezione di fotografie, testimonianze dell’unicità del territorio finalese.

Autore della galleria fotografica è Carlo Lovisolo. Chi frequenta Finale conosce i suoi bellissimi scatti che campeggiano in locali, fra le cartoline, e nei vari contesti con cui collabora. Carlo è infatti non solo fotografo, ma un autentico conoscitore, promotore e protettore del territorio finalese. La passione per il territorio comincia quando entra nella Lega Ecologica Finalese e poi nel WWF, di cui è stato responsabile del gruppo attivo territoriale; cofondatore della cooperativa Tracce, il suo nome è legato alla genesi della prima legge provinciale e regionale sulla tutela dei rapaci.

Guida naturalistica, fotografo professionale, Carlo ha selezionato per Finale Sotto le Stelle quattro aree tematiche: il finalese, i cetacei, la neve in riviera, le splendide mareggiate. La immagini vengono spiegate – per vedere e capire il territorio – e l’appuntamento si ripete tutti i lunedì, 3 volte al mese a Finalmarina, e uno a Varigotti.

Con Carlo si possono anche fare escursioni fotografiche in cui si viene introdotti alle basi della fotografia naturalistica, percorrendo aree di particolare interesse naturalistico e paesaggistico con un semplice trekking di circa 3 ore. Il progetto fa parte del ricco calendario delle guide ambientali escursionistiche nel finalese, disponibile qui: https://www.facebook.com/finalenatura/

Impreziosisce l’offerta per la promozione a 360 gradi del territorio la sua cooperazione con Whale-Watch, una nuova realtà che consente su gommoni per piccoli gruppi di recarsi nelle aree dei cetacei con un biologo marino o una guida naturalista. Il tour culmina con un bagno nella riserva marina della Gallinara. 3 tour alla settimana con partenze da Finale. Tutti i dettagli qui: www.seasafari.it

Domenica 2 luglio, Finale Ligure: BEACH MUSIC PARADE – di Marilisa Lorusso

A Finale Ligure la Beach Music Parade, una grande festa in spiaggia, apre la stagione balneare e del divertimento del Ponente savonese. Musica e ristoro sul litorale dalle 18:00 di domenica 2 luglio.

Finale Ligure ancora una volta è protagonista dell’estate con un evento che coinvolge tutto il territorio del Finalese, meta outdoor ma anche e sempre terra di mare. Si tratta del Beach Music Parade, una grande festa in spiaggia che domenica 2 luglio 2017 dalle ore 18 unisce musica e divertimento all’offerta balneare ed il mare. Oltre 40 gli stabilimenti balneari e le attività aderenti, dislocati su tutto il litorale finalese, da Finalmarina a Finalpia fino a Varigotti, nei quali ci si potrà divertire e festeggiare l’estate in allegria. Presenti Dj set, vocalist e punti ristoro, nei quali ospiti e residenti potranno trascorrere una serata divertente, un’occasione per i numerosissimi turisti di conoscere da vicino l’offerta balneare finalese e per tutti un’imperdibile occasione di divertirsi  in spiaggia.

Nelle parole degli organizzatori un evento che vuole risvegliare il savonese perché torni ai suoi fasti e che porta a collaborare per un progetto comune diverse categorie. Una serata che segna l’inizio di un nuovo format dell’intrattenimento, flessibile, dinamico, coinvolgente ed adattabile alle diverse tipologie di utenza, che coinvolga  in sinergia il territorio della provincia di Savona.

L’evento è patrocinato dall’Unione dei Comuni del Finalese.

La pagina facebook dedicata all’evento è: https://www.facebook.com/beachmusicparade/  

 

In caso di maltempo la manifestazione è rinviata a domenica 9 luglio 2017.

16 Giugno, Finale Ligure: la prima vittoria di Nelson, Incontro – di Marilisa Lorusso

Venerdì 16 giugno 2017 ore 21.00 presso la Sala Boncardo sul lungomare di Finale Ligure avrà luogo un incontro dal titolo “1795: la prima vittoria di Nelson”, con Marco Colman, Alessandro Garulla, Simonluca Trigona.

Nel 2016 sotto gli occhi stupiti di chi si trovava sulla costa si muovevano nelle acque del finalese le equipe specializzate per verificare l’eccezionale ritrovamento di un relitto risalente al 1795. La storia che raccontava il relitto era quella di una terribile pugna marina: 55 navi e 40.000 uomini, ed in terra ferma gli eserciti in epiche e cruente battaglie. Battaglia che sanciva la prima grande vittoria in mare dell’allora Capitano Horatio Nelson, che proprio grazie al coraggio e bravura dimostrata in questo scontro, riceve in premio il Comando di una squadra navale. Il fine ultimo di questi sanguinosi combattimenti era il possesso del Porto di Vado ed il controllo delle grandi strade Finalesi da cui invadere l’Europa.

L’equipe che ha studiato il relitto di Capo Noli, ha in un anno scandagliato  a tappeto archivi italiani ed esteri, pubblici e privati, raccolto testimonianze oculari e tutta la documentazione pubblicata sulla Battaglia Navale dall’evento ad oggi, comprese rarissime pubblicazioni  come la dettagliatissima bibliografia di Coudè Comandante del Vascello da 80 Cannoni Ca Ira, che fu costretto ad arrendersi proprio a Capo Noli dopo aver perduto oltre 500 uomini fra morti e feriti.

Una ricca e rimarchevole serata quella proposta dallo Zonta Club di Finale Ligure, con ospiti d’eccezione, che renderà pubblico e nei dettagli il grande lavoro svolto dall’Equipe che sta ricostruendo il puzzle del 1795 in mare ed in terra. Si ricorda che Finale nel marzo del 2018 patrocinerà un convegno europeo su queste nuove scoperte e che darà vita ad un Progetto Anglo-Franco-Italiano di ricerche. Le maggiori Università francesi, gli uffici storici di molte marine interessate sono già state informate e molte istituzioni hanno già formalmente aderito ed  altre sono in procinto di farlo.

 

Finale Ligure, 2-4 giugno: l’Imperdibile 24h di Mountain Bike – di Marilisa Lorusso

Finale Ligure, 2-4 giugno: l’Imperdibile 24h di Mountain Bike

Molto di più di una semplice gara: la 24h di mountain bike di Finale Ligure è un evento imperdibile che mette insieme sport, musica, goliardia, divertimento, spettacolo. L’appuntamento sull’Altopiano delle Manie si ripete alla sua 19esima edizione, e già  in queste ore le Manie si stanno trasformando nella Woodstock dello sport.

Le tende, i camper dei biker si posizionano lungo al percorso che ospiterà ben tre gare diverse. Si inizia giovedì notte con la corsa a piedi sul percorso studiato per le bici, poi nei giorni seguenti le due spettacolari gare su ruote grasse: la gara SOLO e Team2 partirà  venerdì 2 giugno alle 10:00 di mattina. La gara Team4, Team8, Team12 partirà  sabato 3 giugno alle 15:00.

Quindi due 24h ore mountain bike una dietro l’altra, la prima per chi corre in solitaria o in staffetta a 2, la seconda per i team dai 4 ai 12 membri. I partecipanti proverranno quest’anno da 30 nazioni, 400 per la prima 24h, 3000 per la seconda. Un doppio appuntamento di cui il primo è molto di più di un evento nazionale: sbarca di nuovo a Finale attraverso la 24 il circuito mondiale WEMBO, che già  aveva premiato l’outdoor sportivo finalese scegliendo la località  per l’Enduro World Series di ottobre 2016, con il premio di miglior evento enduro dell’anno sfiorato per un soffio.

Ma appunto non solo sport. Fa parte della spettacolarità  della 24h l’essere dedicata ogni anno a un tema diverso. Quest’anno i bikers e gli ospiti sono invitati a scatenare la loro fantasia ed energia omaggiando il magico mondo di Alice nel Paese delle Meraviglie.

Un premio speciale sarà dedicato a chi meglio incarnerà  lo spirito delle fantastiche avventure di Alice contribuendo allo spettacolo della 24h, che ancora trasforma per 4 giorni le Manie davvero in un mondo di meraviglie.

Per chi la conosce una tradizione immancabile, per chi ancora non ha ballato al concerto, bevuto una birra fra gli sportivi, girato fra gli stand, partecipato alle attività che l’accompagnano, un appuntamento imperdibile.

Sito ufficiale della manifestazione: http://www.24hfinale.com 

Sabato 17 maggio FINALE LIGURE: II EDIZIONE ZONTA RUN – di Marilisa Lorusso

A Finale Ligure II edizione della corsa Zonta Run a favore dello sportello Antiviolenza Artemisia Gentileschi.

Sabato 17 maggio alle ore 18 appuntamento a Finale Ligure per una corsa non competitiva aperta a tutti, la Zonta Run. Giunta alla seconda edizione la corsa, organizzata dallo Zonta Club di Finale Ligure in collaboazione con Atletica Run Finale e con il patrocinio dell’Unioni dei Comuni del Finalese, si snoda per 10 km da percorrere a passo libero.
Le iscrizioni apriranno alle ore 17 sul lungomare Migliorini, presso il Piazzale dei Gabbiani. Il ricavato della manifestazione andrà a favore dello sportello Artemisia Gentileschi, che lotta a favore della prevenzione alla violenza e per l’educazione al rispetto reciproco.
L’iscrizione è di 10 euro e alla fine c’e’ l’aperitivo per tutti.
Per info e iscrizioni tel 347-2459641 e 347-8342198
studioberghenti@alice.it e marinella.geremia@gmail.com

LE SFIDE DI THOMAS: MANI, TESTA E PASSIONE PER FINALE  – di Marilisa Lorusso

LE SFIDE DI THOMAS: MANI, TESTA E PASSIONE PER FINALE  – di Marilisa Lorusso

E’ in prossima uscita una nuova, aggiornatissima guida sulle vie di arrampicata a Finale Ligure. La guida, un lavoro massiccio di oltre 800 pagine, porta l’inconfondibile firma di Thomas.

Ci sono molti modi per valorizzare e promuovere il territorio. Lo si può mostrare, lo si può descrivere, lo si può condividere e si può contribuire a renderlo fruibile e sicuro. Tutte queste attività a Finale Ligure si sono raccolte in Marco Tomassini, per tutti Thomas, che con dedizione, competenze tecniche e passione si dedica all’outdoor e non solo.

Procediamo con ordine, a cominciare da lui, che – ligure – si trasferisce a Finale quando ha già maturato esperienze come arrampicatore e ha già imparato a chiodare vie. Un’attività complessa che richiede perizia nell’arrampicata, nell’utilizzo dei materiali necessari alla chiodatura, nella conoscenza della roccia, nelle capacità immaginativa e di previsione del rischio, nella tutela paesaggistica e floro-faunistica. Thomas ha chiodato 100 vie a Genova e 600 vie a Finale. Una mole di lavoro impressionante svolta sempre su base volontaria e senza nessuna particolare tutela, che però ha contribuito a incrementare l’offerta per chi vuole arrampicare a Finale in sicurezza. Finale offre oggi più di 3500 vie distribuite in falesie di altezza variabile, con la media preponderante di quelle di 15-20 metri. L’ultima fatica la chiodatura di una parete a Finalpia destinata a diventare una delle più ricche e versatili nel finalese: 70 vie dal livello 3c all’8a. 

Thomas alla Paretina di Pian Marino – Finale Ligure

La chiodatura e il mantenimento delle vie è fondamentale per garantire al numero sempre crescente di arrampicatori di esercitare in sicurezza. Ma non solo: per l’intera comunità è garanzia che le pareti di roccia vengano costantemente monitorate e che eventuali criticità possano essere segnalate per tempo.

Thomas rocciatore ha poi deciso di mettere a disposizione la propria conoscenza del territorio e delle falesie divenendo autore. Autore prolifico, va aggiunto. Sono sei i libri usciti finora, e tradotti in varie lingue, più il prossimo in uscita, che è la versione aggiornata ed ampliata del primo. “Finale by Thomas” (2007) è stata la prima guida da lui scritta in cui descriveva dettagliatamente 9 falesie, e distribuita con successo su tutto il territorio nazionale. E’ poi seguita una guida dedicata all’ospitalità a Finale, intitolata “Finale… non solo Mare” (2009), che veniva seguita da una nuova monografia dedicata all’arrampicata “Finale Climbing” (2011). La positiva collaborazione con la casa editrice Versante Sud (http://www.versantesud.it) ha facilitato la diffusione di questa guida anche all’estero, aumentando quindi la visibilità di Finale, capitale europea dell’Outdoor. Ma non solo arrampicata: nel 2013 usciva “Sentieri di Finale”, pensata come strumento non solo per hikers esperti, ma anche per famiglie o persone senza particolari esperienza o disponibilità di tempo per conoscere la ricca, bellissima ed intricata rete sentieristica che si snoda dal mare all’entroterra. Vi sono descritti e proposti sentieri per lo più ad anello, che permettono a chi si avventura con la propria borraccia, un pezzo di focaccia e guida alla mano di tornare entro circa tre ore (come tempo medio) nel punto di partenza.

C’è la sapiente mano di Thomas sulle vie di arrampicata, c’è Thomas la per chi vuole leggere e sapere di Finale, dei suoi sentieri e delle sue falesie, e c’è per chi vuole vederlo attraverso le foto. Nel 2016 esce infatti la “Guida dei 4 Borghi”, tradotta anche in tedesco, inglese e francese, dedicata ai centri storici di Noli, Verezzi, Finalborgo e Varigotti e arricchita dalle foto di Thomas. Nata per colmare un vuoto informativo per i turisti che arrivavano a Finale senza monografie dedicate alle bellezze locali ma solo con guide generiche della regione. Correlata da bellissime immagini, la guida ha avuto un grande successo ed è diventato un must-have per i turisti che decidono di visitare i bei borghi che vi sono presentati e descritti.

Mi sono fatto un regalo, un libro semplicemente come l’ho sempre voluto, dalla copertina alle illustrazioni, alla fantasia”- così Thomas definisce un suo libro uscito nello stesso anno della guida, e che segna un momento di svolta nella sua attività di autore. Esce appunto nel 2016 “Il Segreto della Principessa Val”, un romanzo di fantascienza con una venatura sexy che si snoda su due piani temporali. Ambientato nell’anno 3000, le avventure riportano alcuni protagonisti nel XX secolo, e noi diveniamo l’avventuroso passato delle creature del futuro. Il romanzo dovrebbe avere un seguito, uno spin-up che dovrebbe far emergere la vicenda di un personaggio minore.

Ma dopo quella che sarà l’opera omnia dell’arrampicata finalese: 808 pagine, tutte le falesie e tutte le vie incluse quelle non sicure, come adeguatamente segnalato nella guida. Con dettagliate spiegazioni sugli accessi alle vie, sulle vie stesse, foto panoramiche, la guida sarà disponibile in cartaceo e scaricabile con anche i tracciati GPS dal sito delle casa editrice Versante Sud e dal sito di Thomas, www.finalebythomas.com

Per chi volesse essere aggiornato sull’uscita, le presentazioni e le molteplici attività di Thomas, può seguirlo anche sull’omonimo profilo facebook,https://www.facebook.com/finalebythomas

Corri col Cuore: generosità e passione al servizio della comunità – di Marilisa Lorusso

Corri col Cuore: generosità e passione al servizio della comunità

Saranno presto consegnati un defibrillatore alla scuola primaria Gianni Rodari di Finalpia e uno all’asilo di Vezzi Portio. Per capire come in questi chiar di luna sia stato possibile ai due istituti dotarsi dell’importante strumento salva-vite occorre fare un passo indietro e raccontare una breve storia di volontariato, di passione e di generosità culminato in un raduno di auto d’epoca.

Si è tenuto infatti il 30 Aprile Corri col Cuorea Finalpia il primo raduno di auto storiche moderne e sportive a scopo benefico. L’evento ludico-turistico intitolato “Corri col Cuore” – organizzato da Cinzia Gagliolo, altri 8 volontari insieme a “I Garosci De Pia” in collaborazione con il Comune di Finale Ligure e il Comune di Vezzi Portio – aveva lo scopo di raccogliere i fondi per un defibrillatore, dedicato alla scuola elementare di Finalpia. I volontari hanno messo a disposizione il loro tempo e la loro passione per le 4 ruote per organizzare un evento che ha raccolto 80 appassionati di macchine d’epoca e non solo. Un evento inedito, alla sua prima edizione, e già orchestrato su due livelli. Da un lato la parata delle auto d’epoca, che hanno sfilato lungo un percorso ad anello, passando per Portio, San Filippo, San Giogio, Magnone, Vezzi e Finale, per poi posteggiarsi lungo l’itinerario pedonale di Finalpia, da via Molinetti alla rinata dopo la riqualificazione via Porro al lungomare. Dall’altro l’Abazia Benedettina che si affaccia sulla piazza di Finalpia che ha ospitato l’area iscrizioni alla competizione benefica ha reso disponibili i propri bellissimi spazi per le visite ai chiostri aprendoli eccezionalmente a quanti non conoscono ancora il bellissimo complesso sacro-architettonico.

Da notare la partecipazione e delle poste italiane, che hanno creato appositamente un annullo ad edizione limitata e commemorativa dell’evento e della Bandiera del Cuore, una realtà ormai radicata sul territorio di Finale.

Un’iniziativa che ha dato di più di quanto ci si aspettasse. Il Sig. Cesare Mangone ha voluto contribuire donando un defibrillatore aggiuntivo rendendo appunto così possibile fornire anche l’asilo di Vezzi Portio dell’importante ausilio. Ma sono tanti gli sponsor locali che hanno contribuito all’evento, o attraverso quote, o attraverso i propri prodotti che sono divenuti gli ambiti riconoscimenti della premiazione.